Microracconto della Domenica n°89 – “Notturno n°15 – Whisky e superbia”

– Sai quanti anni ho?

Lo sapeva, sessantotto, aveva visto la sua carta d’identità un paio d’ore prima. Le 2.37 sul solito display. Sette gradi fuori della finestra e un whisky sul bancone.

– Pensi che io sia un vecchio porco?

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto

Microracconto della Domenica n°80 – “Notturno n° 14 – La zoccola e il lenzuolo”

Niente cocktail quella sera, birra scura in bottiglia che la ragazza versava a piccole quantità nel bicchiere che aveva davanti. Erano le 3e37 sul solito display arancione e lei aspettava il solito taxi. Lui era lì a pensare che cambiava l’attrice ma la scenetta era sempre la stessa.

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto

Microracconto della Domenica n°73 – “Notturno n° 13 – L’albero dei doni”

La intravide nell’auto ferma qualche metro più in là, il compagno l’aveva bendata. Scese lui, non più giovanissimo e grassoccio con uno paio di pantaloni eleganti e lo sguardo alternativo. Lei era bella, aveva la faccia sveglia, lui era innamorato povero ragazzo.

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto

Microracconto della Domenica n°71 – “Notturno n°12 – Vite da servi”

Gli orologi con le lancette segnano meglio il tempo dei cambiamenti.

Qualche ora prima il manager gli aveva dato la buona notte ed era andato verso casa. Il suo stipendio non era male, quanto bastava per avere un appartamento piccolo in affitto nel centro città e fare capire alla moglie che diventando ex avrebbe avuto comunque una rendita sufficiente per lei e per la bimba che si era portata via.

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto

Microracconto della Domenica n°68 – “Notturno n°11 – Lasciala dov’ è”

Quella notte, forse per una fortunata congiunzione astrale, forse per l’ultimo ormone giovanile rimasto vivo, fu come la loro prima volta con le ginocchia che diventavano rosse a forza di sfregare contro il tappetto e il mento arrossato dalla barba. Le rughe che portava la donna incontrata nel pomeriggio avevano girato l’angolo qualche ora prima. La ragazza che ora lo abbracciava si bloccò e mostrandosi in tutta la sua bellezza gli piantò gli occhi addosso.

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto