Microracconto a San Valentino – “Il mese più lungo dell’anno”

Microracconti

Pubblicato da il 13 febbraio 2014 in Microracconti della Domenica

Il 14 febbraio si avvicinava e quel posto si sarebbe riempito di mignotte e di amanti, di ragazzini arrapati, di mariti tristi, di coppie malinconiche e ubriache.

Quei ragazzi avrebbero fatto un sacco di soldi e sorrisi sarcastici in risposta ad ogni logorata emozione che avrebbero visto in quelle facce. Il giorno successivo sarebbero tornati alle loro mogli e amanti e solitudini senza bere perché avrebbero fatto molto tardi e perché alcuni di loro avevano anche il coraggio di essere astemi nonostante tutto. Ognuno si arrangia a modo suo nell’arte di sopravvivere.

Prima di morire nel proprio letto tutti loro avrebbero sognato amori affogati nel tempo accarezzandosi le mani da soli, senza farsi vedere, sognando che fosse la pelle di qualcun altro a sfiorarli. Avrebbero bramato di sussurrare “ti amo perdutamente” mentre una mano dal sapore di eterno gli si posava sul viso. Se fossero stati ancora forti avrebbero perso qualche lacrima ricordando l’ultima volta che avevano pianto di passione facendo l’amore. Poi si sarebbero ripetuti che non esisteva nulla ti tutto ciò e avrebbero cercato di respirare ancora più lentamente.

Febbraio è sempre stato il mese più lungo dell’anno.

Se ti è piaciuto condividi!