Flush – Terza Parte (racconto in tre parti)

Seduto su una panchina, in controllo dello spettro sonoro dei paraggi, guardo gli acquisti: rosa, di forma conica, né di plastica, né di metallo. Chissà come vengono shakerate le molecole che compongono gli oggetti quotidiani?
Fisso gli auricolari e mi estraneo, persuaso da un misto di rabbia verso Ho Chi Minh e di curiosità per un oggetto che promette di restituirmi un’esperienza assurda. Li scuoto, li agito. I forum di discussione non menzionavano consigli, né trucchi. Forse non ci sono. Forse… è questione d’istinto.

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto

Flush – Seconda parte (racconto in tre parti)

Fin ora non ho mai tirato robaccia: spinelli di skunk, torte di maria, vapori di colla e doser subliminali. Niente coca, ero, anfetamine o LSD. Mi piace la natura, per così dire, ma per il Flush posso fare un’eccezione.

Uscito indenne dal trattamento acustico della pista da ballo, varco la soglia del bagno. Le orecchie mi fischiano. Da dietro la porta, Ho Chi Minh appende di fuori il cartello guasto e poi ci chiude dentro.

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto

Flush – Prima parte (racconto in tre parti)

La prima volta non sapevo che aspettarmi. Sparire, forse morire. E poi tornare, ma dove? Nessuno sapeva dirmi nulla senza perdersi in balbettii e mugugni. C’era chi giurava di essere sopravvissuto alla prova più terribile e chi la spacciava per definitiva. Allora perché sottopormi a quel supplizio?

Se ti è piaciuto condividi!
Leggi tutto